Archivi Blog

MyPyramid, MyPlate e Alimentazione Sportiva

Nel libro per bambini Who Built the Pyramid?, molte persone si attribuiscono la costruzione della – un tempo grandiosa – piramide egizia di Sesotri. Re Sesotri, ovviamente, rivendica per sé il merito. Ma così anche il suo architetto, il maestro della cava, gli scalpellini, gli schiavi e i ragazzi che portavano l’acqua ai lavoratori.

Anche le piramidi della USDA e MyPlate.gov avevano molti costruttori. Alcuni sono ovvi – gli scienziati della USDA, esperti nutrizionisti, membri dello staff, e consulenti. Altri no. Anche forti pressioni da parte di diverse industrie alimentari hanno aiutato a modellare la pyramid e la platemypyramid - alimentazione sportiva

In teoria, le icone alimentari sportive della USDA dovrebbero riflettere i consigli nutrizionali raccolti nella Dietary Guidelines for Americans. Secondo la USDA, le linee guida “hanno fornito agli sportivi dai due anni in su consigli autoritativi su come buone abitudini dietetiche possano promuovere la salute e ridurre i rischi di malattie croniche gravi”.

Questo documento, che per legge deve essere revisionato ogni cinque anni, punta ad offrire validi consigli nutrizionali sul tema dell’alimentazione sportiva, che corrispondano alle ricerche scientifiche più recenti. Il governo chiede consulenza da un comitato scientifico, uno che includa esperti nutrizionisti leader in pediatria, obesità, malattie cardiovascolari, e sanità pubblica. La selezione dei membri del comitato non è un compito facile, ed è soggetta ad intense pressioni da parte di organizzazioni come la National Dairy Council, la United Fresh Fruit and Vegetable Association, la Soft Drink Association, la American Meat Institute, la National Cattlmen’s Beef Association, la Salt Institute, e la Wheat Foods Council.

Il comitato scientifico crea un verbale di 400 pagine ca. di argomenti esclusivamente nutrizionali. La USDA e la US Department of Health and Human Services usano questo report per preparare le 100 pagine della Dietary Guideliness for Americans. Il processo, tuttavia, è tutt’altro che trasparente. E le persone che scrivono le linee guida finali non sempre si attengono strettamente alle raccomandazioni del comitato scientifico.

La massiccia Dietary Guidelines for Americans è tradotta in una brochure di facile lettura che punta ad aiutare la persona media a scegliere una dieta equilibrata e salutare. Di maggiore importanza è il fatto che la Dietary Guidelines for Americans stabilisca gli standard per tutti i programmi nutrizionali federali, tra i quali i programmi della mensa scolastica, e aiuta a stabilire quali prodotti alimentari gli Americani comprino. In altre parole, le linee guida influenzano come miliardi di dollari vengono spesi ogni anno. Per cui anche i minimi cambiamenti possono danneggiare o aiutare l’industria alimentare e possono anche avere un impatto sostanziale sulla salute degli americani.Sport e alimentazione - MyPlate

I Problemi della MyPyramid e della MyPlate 

Distillare consigli nutritivi in una piramide ha i suoi meriti: La forma suggerisce immediatamente che alcuni cibi sono buoni e dovrebbero essere mangiati spesso, e che altri non sono così buoni e dovrebbero essere mangiati occasionalmente. I livelli rappresentano i principali gruppi alimentari che contribuiscono ad una dieta completa. MyPyramid cercò di fare ciò in modo astratto, senza usare nessuna immagine o testo, e fallì. E ciò costrinse le persone ad andare su un sito web per apprendere ciò avrebbero dovuto mangiare. (Per saperne di più sui problemi della MyPyramid e il suo predecessore, l’originale Piramide Alimentare.)

L’icona Myplate è un miglioramento rispetto alla MyPyramid. Mostra un cerchio diviso in quattro angoli colorati, ognuno contrassegnato con il nome del gruppo alimentare. Verdure (verde) e frutta (rosso) occupano metà del piatto. Appena al lato c’è un cerchio blu più piccolo per i latticini, che somiglia un po’ ad un bicchiere di latte o ad un vasetto di yogurt. Una forchetta e una tovaglietta completano l’immagine.

La Myplate sollecita gli americani a mettere più prodotti nei loro piatti, ma fallisce nel dare informazioni che permetta loro di scegliere le diete più salutari. E come versione abbreviata dei consigli nutrizionali del governo degli Stati Uniti, la MyPlate soffre anche dalle carenze della Dietary Guidelines for Americans 2010.

La MyPlate non fa vedere che i cereali integrali sono una scelta migliore dei cereali raffinati, per esempio, o che i fagioli, le noci, il pesce, e il pollo sono scelte più salutari della carne rossa. I grassi salutari – la chiave alla salute del cuore e alla diminuzione del rischio di diabete – non compaiono affatto né sul piatto né sulla tabella. Eppure è stato dato ai latticini uno spazio prominente di fianco al piatto, nonostante vi siano prove che l’elevata assunzione di lattici non riduca il rischio di osteoporosi e che possa aumentare il rischio di alcune malattie croniche. Forse il problema più grande è che la MyPlate non dica nulla del fatto che la maggior parte della dieta degli Stati Uniti sia spazzatura: bibite zuccherate, dolciumi, cibi trattati salati, cereali raffinati, e cose del genere.

Sport e Salute – Dott. Luigi Torchio